Collaborazione con l’Ass. Spazi-Ritmia

 

Foto


Foto

Musica fra suoni, gesti, segni. Un nuovo percorso in musica per ascoltare ed ascoltarsi.

Il progetto RITMìA è un innovativo approccio ludico ideato nei primi anni ’90 dalla musicista e ricercatrice Sonia Simonazzi per avvicinare i bambini alla musica e alla pratica motoria in modo spontaneo e divertente. Il percorso di RITMìA integra il fare e ascoltare musica con l’esecuzione di particolari movimenti del corpo, andature, posture, e tecniche respiratorie appositamente studiate per facilitare l’acquisizione degli elementi musicali di base e potenziare la capacità di rilassarsi, concentrarsi, ascoltarsi e ascoltare. Attraverso il gioco, i bambini vengono introdotti all’educazione musicale e apprendono l’utilizzo di vari strumenti musicali etnici. Durante il gioco, i suoni del respiro e della voce, i rumori creati dai movimenti e dalla manipolazione degli oggetti diventano prolungamenti del corpo nello spazio. Sperimentando movimenti e suoni, ogni bambino può assumere le sonorità che più gli appartengono, invitare gli altri a viverle nel gioco, accompagnarli e a sua volta mettere in pratica le proposte dei compagni. In questo modo il suono diventa un linguaggio comune che ha il potere di suscitare sensazioni e reazioni. Guidato dall’insegnante Clelia Palosti, ormai di casa in S.Eufemia, il gruppo diventa “un'orchestra in movimento nello spazio” dove i suoni dei singoli si intrecciano con quelli dei compagni.

In una prima fase il progetto è stato proposto ai bambini della scuola dell’infanzia, secondo un percorso articolato lungo i tre anni di scuola. Il coinvolgimento, l’impegno e il divertimento che abbiamo colto sui visi dei bambini non solo ha confermato la scelta di proseguire lungo questo percorso, ma ci ha convinti ad estenderlo anche ai bambini della sezione “grandi” del nido.
 
  View this article in PDF format Print article

Scarica questo file Cartella Stampa Ritmia
Scarica questo file Progetto Ritmia