I NOSTRI PROGETTI, UN VALORE AGGIUNTO…


Laboratori e Progetti

Laboratori e Progetti

Laboratori e Progetti

Laboratori e Progetti

Laboratori e Progetti

Laboratori e Progetti

Laboratori e Progetti

Laboratori e Progetti

Laboratori e Progetti

Laboratori e Progetti

Laboratori e Progetti

Foto

Foto

Foto

Foto

Laboratori e Progetti

Laboratori e Progetti

Laboratori e Progetti

Laboratori e Progetti

Laboratori e Progetti

 

In un’ottica che privilegia la quotidianità del fare scuola, i progetti sono parte integrante della didattica e, sostenendo ed approfondendo alcune tematiche della programmazione, mirano a proporre ed utilizzare una pluralità di linguaggi e di strumenti.
Per la realizzazione dei progetti la scuola, in qualche caso, ricorre a competenze esterne che sono funzionali alla progressiva acquisizione o affinamento nell’uso di strumenti, linguaggi, metodi specifici da parte degli insegnanti nella didattica.
I progetti qualificano il curricolo, poiché danno particolare rilievo ai seguenti aspetti:

Motivazione - Cooperazione – Interdisciplinarietà – Produzione -Comunicazione

Accesso a internet e supporto della LIM (LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE) alle attività
Tutte le aule sono dotate di connessione ad internet.
La scuola si avvale inoltre di 4 lavagne interattive multimediali installate, in virtù del contributo della Fondazione di Piacenza e Vigevano e di alcuni genitori, nelle classi Terza, Quarta e Quinta e nel laboratorio di informatica. Tali strumenti, con tecnologia touch, di uso facile e immediato per gli alunni, consentono l’accesso alla rete per l’illustrazione di particolari contenuti durante le lezioni da parte degli insegnanti di tutte le discipline, l’accesso ai contenuti digitali dei libri di testo e facilitazioni per studenti con particolari difficoltà.

ATTIVITÀ DI SUPPORTO E SOSTEGNO DEL PROGRAMMA CURRICOLARE DI LINGUA INGLESE
Il British Institutes ha sviluppato un metodo didattico per Young Learners unico nel suo genere. L’AKTIVE (Aquiring Knowledge Through InnoVative English) Learning Method rappresenta il prezioso risultato dell’esperienza nell’insegnamento e nella ricerca didattica nell’ambito della lingua inglese: esso sviluppa il primo approccio con la lingua attraverso il dialogo, la comunicazione, l’esperienza e le emozioni. Valorizza le abilità espressive, creative, cognitive e socio-emotive del bambino. Il metodo si basa sull’innovazione delle tecniche e dei materiali usati per l’insegnamento della lingua inglese.
L’attività, indirizzata a tutte le classi, si svolge per due ore settimanali durante l’intero anno scolastico ed è condotta da un insegnante British Institutes in compresenza con l’insegnante prevalente.
E’ prevista inoltre la possibilità di sostenere gli esami di certificazione a fine anno. L’esame verifica la competenza nelle quattro abilità (Scrittura, Lettura, Ascolto e Parlato) e dà immediata consapevolezza di aver raggiunto un obiettivo importante nel percorso di apprendimento dell’inglese.

PROGETTO CLIL - MATERIA: SCIENZE
I processi di globalizzazione e la rivoluzione tecnologica nel campo dell'informazione e della comunicazione hanno cambiato il mondo rendendo l'educazione plurilinguistica e pluriculturale un diritto e un dovere allo stesso tempo. La scuola risponde introducendo in una classe in modo sperimentale il CLIL, come suggerito dalla Legge di Riforma della scuola (L.107/2015).
L'acronimo CLIL significa: apprendimento integrato di lingua e contenuto (Content and Language Integrated Learning) e si riferisce a situazioni in cui materie non linguistiche vengono insegnate e apprese in una lingua straniera. Quando è applicato nel modo adeguato, il CLIL è un metodo molto efficace per potenziare l'apprendimento sia della lingua sia della materia in questione, con ricadute molto positive sull'autostima dei giovani studenti, sulla fiducia nelle proprie capacità di apprendere e sulla motivazione verso l'apprendimento.
L’attività viene proposta alle classi Quarta e Quinta ed è gestita per un’ora settimanale da un’insegnante British Institutes in co-docenza con l’insegnante prevalente.

PROGETTO DI POTENZIAMENTO DELLA LINGUA INGLESE
Aumentare le occasioni di esposizione alla lingua e la possibilità di accedere a percorsi formativi creati per i bambini, sulla base di un metodo  adeguato alla loro età, risulta decisivo per ottenere maggiori risultati. Per questo, nel secondo quadrimestre, è possibile usufruire di ore supplementari facoltative di lingua inglese. L’attività, che in quest’anno scolastico sarà proposta alla classe Terza, sarà guidata da un insegnante British Institutes con il metodo AKTIVE. Non si tratterà di una prosecuzione del programma curricolare, ma di un potenziamento delle abilità comunicative orali (conversazione) attraverso tecniche di story-telling e drammatizzazione che sono le più indicate per favorire lo sviluppo delle abilità del parlato.

PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE DIDATTICA DELLA LINGUA TEDESCA
Gli alunni di classe 5^ potranno aderire ad un progetto di sperimentazione della lingua tedesca offerto in collaborazione con il Centro Culturale Italo Tedesco di Piacenza, sede d’esami del Goethe-Institut. Il laboratorio viene guidato da un’insegnante madrelingua ed è facoltativo. Il principale obiettivo è quello di iniziare gli alunni all’apprendimento di una seconda lingua comunitaria, scelta che sarà obbligatoria alla scuola secondaria di 1° grado.

PROGETTO ‘IDDA’: SCREENING DSA
Attuato in rete con altre scuole della città e della provincia per la prevenzione, l’identificazione ed il recupero dei problemi a livello di apprendimento legati alla dislessia e alla discalculia, si svolge in collaborazione con l’Associazione Italiana Dislessia e con il Centro Risorse Dislessia di San Nicolò.
Gli alunni di classe Prima vengono sottoposti ad uno screening finalizzato ad evidenziare eventuali segnali di Disturbi dell’Apprendimento. Le prove sono effettuate dall’insegnante di classe e analizzate da specialisti che danno una restituzione, segnalando alunni con difficoltà che inducano a prestare particolare attenzione al processo di apprendimento della letto-scrittura.

IL METODO ANALOGICO
Il metodo Analogico - ideato e divulgato dall’insegnante e ricercatore Camillo Bortolato che da anni collabora con la casa editrice Erickson - è stato al centro di alcuni percorsi di aggiornamento seguiti dall’insegnante specialista di Matematica, diventando uno tra gli strumenti scelti per lo svolgimento dell’attività didattica. Bortolato sostiene che il calcolo a mente sia “semplice come vedere”; esso è infatti una capacità primordiale che va oltre la Matematica, che rientra nell’intuizione e che come la percezione e il linguaggio fa parte delle operazioni della vita comune. Non aveva torto Piaget nell’affermare che estraiamo il concetto di numero dalle esperienze attraverso un processo di riflessione, ma il calcolo mentale è un’altra cosa, non ha bisogno di concetti, è un’operazione quasi istintiva in cui semplicemente attribuiamo un nome a delle quantità. Naturalmente, più i bambini crescono, più il percorso di astrazione li porta in modo naturale alle operazioni formali; perciò essi saranno in grado, grazie all’impostazione data, di creare da soli le strategie di calcolo. Il Metodo Analogico ha la prerogativa di mantenere e difendere  questa condizione naturale  della mente rappresentata dal calcolo mentale.

CORSO DI MUSICA CORALE ALL’INTERNO DELLE ORE CURRICOLARI DI EDUCAZIONE MUSICALE
Il corso di coro e musica attinge al metodo del Cantar Leggendo di Roberto Goitre e si prefigge di avvicinare gli alunni al canto corale, alla lettura musicale e al canto espressivo; quest’ultimo come educazione del gusto musicale. Si svolge a partire dalla classe Prima e si snoda sui cinque anni del percorso scolastico, tenendo conto della progressiva crescita musicale. La direzione del corso è affidata ad un’insegnante diplomata in violino presso  il Conservatorio Nicolini.

CORSO DI CHITARRA
Proposto agli alunni delle classi quarta e quinta in alternativa al corso di musica corale, viene svolto da un insegnante specialista nell’ora curricolare di educazione musicale.
Il metodo utilizzato, fin dal principio, punta sulla pratica musicale, per consentire agli alunni di vedere risultati e suonare alcuni pezzi nel giro di pochi mesi.

PROGETTO  ARTE
Si tiene con la collaborazione di un’esperta esterna, in compresenza con le insegnanti prevalenti e viene proposto a tutte le classi. Ha come obiettivo generale lo sviluppo delle competenze degli alunni e la promozione di abilità espressive e comunicative.
Il progetto, inoltre, intende sviluppare la fantasia, l’immaginazione e la creatività, offrendo ai bambini diverse esperienze attraverso l’uso e la manipolazione di più materiali.

LABORATORI DI EDUCAZIONE ALIMENTARE
Corretta alimentazione e salute sono, fin dall’infanzia, un binomio inscindibile, poiché attraverso un sano rapporto col cibo si mettono le basi per uno sviluppo fisico adeguato e si prevengono gravi patologie nel corso della vita. In questo anno scolastico sono stati attivati alcuni percorsi di educazione alimentare gra¬zie alla collaborazione garantita da Elior Ristorazione, la Società che si occupa della gestione della cucina interna e della preparazione dei pasti consumati da tutti i bambini della nostra scuola.
I laboratori sono realizzati da un esperto, in compresenza con le insegnanti.

PROGETTO DI CONSULENZA PER LO SPETTACOLO DI FINE ANNO
Tradizionalmente la Scuola S.Eufemia conclude il percorso dell’anno scolastico con una piccola esibizione degli alunni, preparata con le insegnanti di classe. Come lo scorso anno, il collegio docenti ha accolto un progetto di collaborazione del gruppo teatrale “Manicomics” per una consulenza rivolta alla realizzazione dello spettacolo. Tutte le classi della scuola primaria sono coinvolte.

ATTIVITÀ E PERCORSI DI ESPRESSIONE
Finalizzati alla realizzazione degli spettacoli di Natale e di fine anno e allo sviluppo delle capacità musicali, artistiche e motorie dei bambini. Il nostro Istituto partecipa inoltre agli spettacoli teatrali proposti alle scuole dalla stagione teatrale dell’anno in corso.  

PROGETTO SICUREZZA - SALUTE - SPORT
Il programma è finalizzato alla promozione di azioni formative e didattiche per migliorare la sicurezza nelle scuole, come previsto dal D.Lgs. 81/08, e diffondere la cultura della sicurezza, della salute e dello sport.  In particolare si prefigge i seguenti obiettivi:
- realizzare il piano di evacuazione dell’edificio scolastico (integrato dalla simulazione dell’evento terremoto),  dopo  averlo  fatto  conoscere  al personale e agli alunni;
- far compiere agli alunni semplici esercitazioni in ordine ai problemi della sicurezza;
- promuovere iniziative formative inerenti  la sicurezza, la salute, le attività motorie e attività propedeutiche allo sport.

PROGETTO “SPORT IN CLASSE”
La scuola aderisce al progetto “Sport in classe” nato dall’impegno congiunto MIUR, CONI e Presidenza del Consiglio dei Ministri per promuovere l’educazione fisica fin dalla scuola primaria e favorire i processi educativi e formativi delle giovani generazioni.
Il progetto coinvolge tutte le classi e prevede, oltre alle 2 ore di educazione fisica settimanali impartite abitualmente dall’insegnante di classe, l’inserimento della figura del tutor sportivo all’interno del Centro Sportivo Scolastico istituito nella scuola primaria, l’informazione-formazione iniziale ed in itinere dell’insegnante di classe, la realizzazione di interventi che prevedano l’integrazione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES), la realizzazione di Giochi sportivi, la diffusione tra i ragazzi dei valori educativi dello sport e il coinvolgimento degli Enti locali per possibili implementazioni del progetto.

PROGETTO DI AVVICINAMENTO ALLA SCHERMA
In collaborazione con il Circolo della scherma “G.Pettorelli” viene proposto alle classi della scuola primaria un progetto per avvicinare i ragazzi al mondo della scherma. Durante i tre incontri, verranno spiegate le caratteristiche e le differenze delle tre armi, partendo dal saluto e dalle posizioni sulla pedana.

COLLABORAZIONE CON IL NUOVO GIORNALE
La scuola collabora con il settimanale diocesano “Il Nuovo Giornale” attraverso la pubblicazione, nel corso dell'anno, di alcune pagine dedicate alla documentazione di attività e progetti realizzati dai docenti con le classi.
Genitori ed insegnanti, inoltre, contribuiscono con brevi articoli di approfondimento di tematiche inerenti alla vita scolastica.

CONTINUITA’ SCUOLA PRIMARIA (CLASSE QUINTA/SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO)
Nel corso dell’anno scolastico gli insegnanti di classe Quinta potranno aderire alla proposta di laboratori e visita alle strutture delle scuole secondarie di 1° grado più vicine al nostro istituto. La finalità principale del progetto è quella di garantire la continuità del processo educativo tra scuola primaria e secondaria, per mettere gli alunni nelle condizioni ideali di iniziare con serenità la futura esperienza scolastica e per favorire la responsabilizzazione degli studenti della scuola secondaria, con la presa in carico del proprio ed altrui apprendimento e incoraggiando atteggiamenti di tutoring.
Obiettivi più specifici del progetto sono: fornire agli alunni la certezza che il passaggio dalla scuola primaria alla scuola secondaria avviene in ambito di reale continuità; rendere familiare l’ambiente della scuola secondaria sotto l’aspetto didattico, linguistico ed istituzionale.

PROGETTO CONTINUITA’ SCUOLA DELL’INFANZIA/SCUOLA PRIMARIA
La classe Quinta della Scuola Primaria partecipa ad un progetto di continuità con la sezione dei 5 anni della Scuola dell’Infanzia “S.Eufemia” coordinato dall’insegnante prevalente della classe e dalle insegnanti della Terza sezione.
L’obiettivo è di proporre ai bambini della Scuola dell’Infanzia alcune attività inerenti ai prerequisiti richiesti dal successivo ordine di scuola, per dotarli di competenze adeguate. Tutto ciò viene svolto con la collaborazione dei ragazzi di quinta che, a loro volta, vengono responsabilizzati nel ruolo di ‘tutor’ dei più piccoli.
Tutte le attività saranno caratterizzate da una connotazione ludica, accattivante e coinvolgente sia per i grandi, sia per i piccoli.

USCITE DIDATTICHE
Ad integrazione della programmazione didattico-educativa, tutte le classi partecipano a spettacoli teatrali o a percorsi proposti da Biblioteche e Musei cittadini (Palazzo Farnese, Galleria Ricci Oddi, Museo di Storia naturale, Biblioteca Anguissola ecc..), in virtù della collocazione della scuola nel cuore del centro storico cittadino.
Ogni classe inoltre partecipa a viaggi d’istruzione, collegati alla programmazione didattica.

PROGETTO EDUCATIVO DEL DOPO-SCUOLA
Il progetto educativo del dopo-scuola prevede l’assistenza ai compiti effettuata, a rotazione, dalle insegnanti di classe, coadiuvate da un educatore professionale.
All’interno del dopo-scuola, dopo i compiti, l’educatore propone la realizzazione di alcuni laboratori che hanno come tema di fondo i materiali naturali e di riciclo.
L’attività è strutturata con una metodologia ludico-creativa con obiettivi educativi specifici.
In alternativa, vengono proposti giochi di gruppo o a squadre, oppure attività motoria nella palestra della scuola.

LIBERE ATTIVITA’ EXTRACURRICOLARI
Presso la Scuola vengono organizzati, a richiesta e in base alle adesioni delle famiglie, differenti laboratori pomeridiani (inglese, pianoforte, chitarra, violino, minivolley, pattinaggio artistico, hip hop, attività espressive…) in un’ottica di ampliamento dell’offerta educativa che risponda a bisogni formativi specifici espressi dagli alunni, senza dover affrontare spostamenti.
Contemporaneamente si riesce a soddisfare le esigenze di quei genitori che, per motivi di lavoro, necessitano di prolungare la permanenza dei figli a scuola.

SUMMER CAMP
Nel mese di giugno, terminate le lezioni, la scuola primaria S. Eufemia diventa il fulcro intorno a cui ruota una vacanza studio come quelle che si trascorrono nei college inglesi.
Infatti, la collaborazione con il British Institutes prosegue attraverso l’attivazione di un Centro estivo che prevede la compresenza degli insegnanti madrelingua inglese e degli insegnanti della scuola Primaria.
La lingua ufficiale utilizzata è l’inglese; l’uso dell’italiano da parte dei partecipanti non solo è consentito, ma è funzionale all’apprendimento dei vocaboli nuovi a patto che ciò avvenga attraverso l’abbinamento parola – oggetto, oppure attraverso il metodo no no key question. L’italiano, invece, non sarà mai usato dai docenti.
Oltre al tema che funge da fil rouge di tutte le attività, sono previste settimanalmente gite, uscite in piscina e al centro Tennis della Bellotta, corsi di pallavolo, equitazione.
L’iniziativa è aperta anche a studenti provenienti da altre scuole cittadine.

  View this article in PDF format Print article